Loading...

Enzimi Attivi

Che cos'è Aktiv-E?

Aktiv-E è una linea di prodotti per la cura dell’auto le cui formule sono additivate di enzimi attivi. Grazie anche ai suoi enzimi è efficace contro le macchie nel rispetto di superfici e colori.

Cosa sono gli enzimi attivi?

Gli enzimi sono molecole proteiche naturalmente presenti in tutte le cellule viventi, che fungono da catalizzatori per accelerare una reazione biochimica. Gli enzimi usati nei detersivi appartengono a una categoria particolare e scindono determinate sostanze facilitandone la rimozione durante il lavaggio. Ad esempio, gli enzimi lipasi scindono oli e grassi, mentre gli enzimi amilasi fanno altrettanto con gli amidi rendendo più semplice la loro rimozione dai tessuti.

Come funzionano gli enzimi?

  • Aktiv-E - Vignetta azione Enzimi 1
  • Aktiv-E - Vignetta azione Enzimi 2
  • Aktiv-E - Vignetta azione Enzimi 3
  1. I residui di sporco si annidano nelle cavità microscopiche delle superfici, diventando difficili da rimuovere.
  2. Gli enzimi attivi, molecole presenti in tutte le cellule viventi, penetrano in profondità nei pori e degradano una vasta gamma di residui organici non visibili a occhio nudo.
  3. Velocizzano e migliorano la qualità della pulizia: più profonda, e immediata. Inoltre aiutano ad eliminare i cattivi odori.

In generale, come lavorano i detergenti additivati di enzimi attivi?

Gli enzimi fin dagli anni ’60 sono un ingrediente chiave nei detersivi. I microrganismi benefici penetrano in profondità nei pori delle superfici degradando una vasta gamma di residui organici incorporati e migliorando la qualità della pulizia. Residui diversi, come olio, grasso e macchie zuccherine, si annidano nelle cavità microscopiche e nelle fessure delle superfici dure, divenendo così difficili da rimuovere completamente. Le formulazioni additivate con enzimi offrono una pulizia immediata rimuovendo i residui superficiali.
Gli enzimi hanno la capacità di disgregare le macchie in parti più piccole e solubili in acqua che vengono rimosse con maggior facilità durante il lavaggio. Inoltre possono essere efficaci anche in dosi ridotte (compattazione): efficienza in termini di peso, significa che anche con una dose minima di enzimi si può ottenere una pulizia profonda rispetto ai risultati ottenuti con altri ingredienti. Inoltre lo stesso enzima può agire più volte sulle stesse molecole-substrato (per esempio, la terra), quindi una quantità ridotta di enzima aggiunto al detersivo garantisce una forza lavante notevole. Il potere catalitico attribuisce un ruolo fondamentale agli enzimi nei detersivi concentrati e compatti.
La linea Aktiv-E è stata testata da un laboratorio esterno per verificarne l’attività degli enzimi attraverso il potere detergente al Launder-Ometer ed una valutazione dell’ attività enzimatica mediante prova di contatto con substrati specifici.

Tanti enzimi, tanti compiti diversi.

Poiché ciascun enzima catalizza una reazione altamente specifica, è necessario che nelle cellule sia presente un'abbondante quantità di enzimi per effettuare tutte le diverse trasformazioni chimiche richieste. La maggioranza degli enzimi contribuisce a scindere le molecole più grandi in altre di dimensioni più piccole e al rilascio di energia dai loro substrati. Ad oggi, gli scienziati hanno identificato oltre 10.000 enzimi diversi. Di fronte a una tale enormità, è stato elaborato un metodo di nomenclatura logico per garantire la definizione e identificazione chiara di ciascuno di essi.
Pur essendo spesso identificati con nomi brevi e di uso comune, gli enzimi possiedono anche denominazioni chimiche più estese. Ciascun tipo di enzima, inoltre, è munito di un numero di classificazione in quattro parti (numero CE), basato sul sistema standard di nomenclatura degli enzimi mantenuto in vigore dall'Unione internazionale di biochimica e biologia molecolare (IUBMB) e l'Unione internazionale di chimica pura e applicata (IUPAC).
La maggior parte degli enzimi catalizza il trasferimento di elettroni, atomi o gruppi funzionali. A seconda del tipo di reazione catalizzata, gli enzimi sono divisi in sei classi, a loro volta ripartite in gruppi e sottoclassi. Ad esempio, l'enzima che catalizza la conversione dello zucchero del latte (lattosio) in galattosio e glucosio, comunemente noto come lattasi, ha la denominazione sistematica di beta-D-galattoside galattoidrolasi e numero di classificazione CE 3.2.1.23.
Lista degli enzimi: amfep.drupalgardens.com/content/list-enzymes

Gli enzimi - soluzione sostenibile

Nei diversi ambiti industriali, gli enzimi permettono di garantire la qualità e la stabilità dei prodotti con un miglioramento dell'efficienza in ambito produttivo.   Il minor impiego di energia, di acqua e materie prime e la riduzione degli scarti è garanzia di prodotti rispettosi dell'ambiente. Il WWF (World Wildlife Fund) ha elaborato una stima dei benefici in termini di efficienza che gli enzimi potrebbero garantire all'industria alimentare e a quella tradizionale. I risultati mostrano che grazie agli enzimi è possibile risparmiare 139 MtCO2e (milioni di tonnellate metriche di anidride carbonica equivalente) nell'industria alimentare e fino a 65 MtCO2e nelle industrie tradizionali (detersivi, settore tessile, industria cartaria) entro il 2030.  Questi numeri equivalgono alle emissioni di CO2 prodotte da 430 milioni di barili di petrolio o all'eliminazione di circa 40 milioni di auto sulle strade. 
(Fonte: WWF, Biotecnologie industriali - Oltre il carburante verde in un'economia sporca? Il potenziale trasformativo della biotecnologia industriale nella transizione verso un'economia verde, 2009).
Molte industrie devono affrontare la questione della produzione di rifiuti per natura pericolosi. Con gli enzimi, sostanze completamente biodegradabili, questo problema non si pone. Esaurito il loro compito, gli enzimi industriali si scindono in amminoacidi che vengono naturalmente riciclati nell'ambiente. Queste sostanze contribuiscono anche a migliorare l'efficienza nell'uso delle risorse della catena alimentare riducendo le perdite durante i processi di trasformazione.

Per maggiori informazioni: www.amfep.org - www.aise.eu



 Torna alla Home Vda